Carmine Stellaccio

Classe 1960, fotografo e videomaker. Ho lavorato per anni per diverse aziende ed enti pubblici. Attualmente impiegato part time. Ho realizzato mostre e organizzato eventi sul territorio. Ho diretto e gestito per anni una web radio (Rimini web/net radio) che aveva lo scopo di valorizzare gli artisti locali, le loro produzioni e di stimolare il fermento culturale della città. Credo fermamente che la cultura dipenda dalle competenze, dalla partecipazione collettiva e dalla capacità delle istituzioni di dialogare con la comunità e in particolare coi giovani e gli artisti. Dobbiamo Conoscere a fondo i processi culturali della città e trovare soluzioni partecipative, condivise dal “basso”, per un legame sempre più stretto tra arte, cittadinanza e sviluppo del territorio.   Comprendo il disagio che hanno dovuto affrontare gli artisti e i creativi in questi anni di coronavirus, le loro necessità e capacità di “dare” arte e poesia anche in questi tempi difficili. Il mondo del precariato e del lavoro stagionale sono un altro tema a me caro e a cui vorrei dedicare attenzione per un dialogo serio e intransigente con il mondo del lavoro. Per ultimo, ma non per importanza, l’ambiente: più rispetto del verde, più alberi, comportamenti ecosostenibili, dialogo più serrato e rispettoso con la popolazione che per prima vive le conseguenze di certe scelte e dunque pretende di essere informata e di condividere. Anche il turismo dovrebbe avere una svolta concreta e responsabile (soluzioni post epidemiche, sismica, attenzione all’ambiente).

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.